Originariamente apparso su scubadiving.com | By Alexandra Gillespie

📷 Alexandra Gillespie

Se ti immergi al White Star Quarry, devi fare un giro nella barca a vela affondata per poi nuotare nella foresta incantata, colma di gnomi da giardino, girare tra le alghe del camion Frito Lay, e fermarti alla moto tornando indietro. Se stai facendo un’immersione profonda sul vecchio pozzo del frantoio, apri bene gli occhi e cerca la statua del cane decorata con un papillon con lustrini.

Abbandonata in un mare di granoturco, White Star Quarry si trova a Gibsonburg, Ohio. Vi posso dire per esperienza personale che “Ohio” non è la risposta che la maggior parte delle persone si aspettano quando si domanda dove ci si può brevettare per fare immersioni. Le immagini che abbiamo in mente di squali si dissolvono in una nuvola di confusione: Ti puoi immergere in Midwest?

Ho avuto la grade fortuna di prendere due brevetti subacquei nelle oasi del Midwest, il mio brevetto Open Water nel Giugno del 2019 e il mio Advanced Open Water l’anno successivo – nonostante la pandemia da coronovirus.

Il COVID-19 ha cancellato qualsiasi programma a chiunque, ho visto il mio matrimonio di 125 persone a Luglio svanire e la mia luna di miele alle Florida Keys evaporare. Prendere il mio brevetto PADI Advanced Open Water ̬ il piano emerso dai tentacoli della pandemia che ̬ filato liscio. Mentre il coronavirus portava fuori dai giochi la mia Drysuit Adventure Dive Рnon potevo entrare nel negozio a provare le mute Рche devono calzare come la scarpetta di cristallo Рil tempo, la data e gli obiettivi non sono mai cambiati.

E, poi ho scoperto, che neanche la comunità subacquea era cambiata. Nel confuso 2020, questo è un miracolo.

Il Comfort della Comunità

📷 Alexandra Gillespie

Atterrare in un porto felice durante questa tempesta mondiale, quando nuovi requisiti dati dalla pandemia piombano nella tua vita. Sacchi della spazzatura di plastica isolano la stazione di ricarica dell’acqua, e un nuovo cartello penzola dalle buste sui permessi a immergersi che mi avvertono di non leccare per chiuderli. Ciascun negozio subacqueo occupava un tavolo da picnic diverso secondo una regola del parco “una famiglia per tavolo”. La spiaggia sabbiosa attraverso la cava, è sotto proprietà della contea, era silenziosa, e ancora chiusa.

La mia ansia è andata alle stelle. Le stranezze di White Star sono davvero incantevoli, ma cosa la rende davvero speciale è il senso di comunità che queste cave locali riescono a creare. Il COVID è un maestro nel dividere le persone.

L’immersione migliore “non dipende tanto da dove sono, ma da con chi sono,” disse Rich Synowiec, proprietario del Divers Incorporated, un negozio subacqueo a Ann Arbor, Michigan, e operatore con licenza del White Star Quarry e base di ricarica delle bombole.

“Se vedi tra le mie immersioni preferite – mi sono immerso una volta al White Star con i miei figli, mia moglie, mia mamma e mio papà,” dice il Course Director PADI.

Synowiec crede che “ciò che tiene le persone vicine alla subacquea è il fatto di far parte di una comunità con la quale immergersi,” perciò tutto ciò che riguarda Divers Inc. e White Star è creato per tenere i subacquei uniti e in acqua: organizzando weekend con attrezzatura in affitto gratuita per gli studenti Open Water al gruppo Facebook del White Star Quarry Scuba Buddy Board.

Non avrei dovuto essere preoccupata che il COVID-19 avrebbe spento la scintilla del White Star. La salda unione della comunità spazza via il tipico imbarazzo delle distanze fuori dall’acqua. I gemelli di 14 anni di Synowiec erano li come al solito a ricaricare le bombole e a gestire lo stand delle attrezzature in affitto. Il loro cane, Wrecks, come al solito ha distribuito baci. Will Graham, il mio istruttore, era lo stesso subacqueo che mi ha insegnato le acque confinate l’anno precedente. Le risate sono arrivate fino ai tavoli degli altri negozi e la foto di gruppo è stata rimpiazzata da un collage di foto individuali per commemorare il giorno.

Questo non vuol dire che il distanziamento sia un’impresa senza sforzo.

📷 Alexandra Gillespie

A parte la designazione del tavolo, i miei compagni di classe ed io abbiamo trovato difficile lo stare a distanza di sei piedi. Stare lontano dal tuo compagno d’immersione, finché non sei sott’acqua, non è normale, ed è un’ulteriore impresa durante l’addestramento. Formare un grande cerchio ha funzionato per il nostro orientamento locale, ma ha reso la spiegazione sul come utilizzare la bussola durante l’addestramento sull’orientamento della Navigation Adventure Dive troppo difficile. Chi riusciva a vedere quei piccoli aghi da lontano? Può essere una limitazione – tutta la mia classe ha passato l’immersione sulla navigazione – ma è davvero lontano da una maniera semplice di imparare.

La più grande sfida sulla terraferma è stata la vestizione senza un compagno. Il gruppo ha fatto del proprio meglio, appoggiando le bombole sui tavoli e sedendosi in acqua bassa per indossare le pinne. Ma qualche volta hai bisogno proprio di qualcuno che chiuda la cerniera della tua 7 ml.

Stranamente Normale

Il primo respiro sott’acqua è alchimia con l’acqua. Rilasciare bolle è come rilasciare le tensioni. Il rumore costante prodotto dall’erogatore cancella gli incessanti rumori di messaggi, chiamate e di suoni prodotti dagli innumerevoli schermi.

Per grazia di Poseidone, le distanze sociali non sono necessarie sott’acqua. In questo, il mondo sotto la superficie dell’acqua offre un qualcosa che in genere i subacquei non cercano – un senso di normalità. Puoi immergerti come hai sempre fatto. Quanto è normale la libertà!

E quanta voglia di normalità.

Un compagno di classe dell’Advanced Open Water si è bloccato durante la corsa ad ostacoli della Peak Performance Buoyancy Adventure Dive. Gli studenti nuotavano attraverso tubi in PVC e semicerchi in assetto a varie profondità nella cava, per praticare il controllo dell’assetto. Nel pinneggiare nel semicerchio, il suo erogatore penzolante si è impigliato in un gancio del PVC. È stato subito panico, le sue braccia hanno iniziato a girare come un mulino a vento tirando ulteriormente l’erogatore giù nel tubo. Le bolle hanno cominciato ad uscire come ci fosse stato un incendio nella bombola.

L’ho raggiunto per prima, e poi ho sollevato con cautela l’erogatore dal gancio, evitando le sue pinne in movimento. Ha nuotato velocemente fuori, felice della sua libertà e della sua scorta d’aria. Eravamo di nuovo separati, osservando ciascuno diligentemente la corsa ad ostacoli.

Ma, per un. momento, siamo stati vicini – fisicamente- per aiutarci.

I subacquei aiutano i subacquei. Il Coronavirus non lo può evitare.

📷 Alexandra Gillespie
Share This